ATS GT: la nuova sportiva di lusso made in Italy

Il marchio ATS rinasce grazie allo sforzo imprenditoriale di Daniele Maritan e dal talento e dalla passione del designer Emanuele Bomboi.

 

Design ispirato dal passato

La nuova ATS GT è stata concepita per essere sensuale con chiari richiami ai fasti del design automobilistico degli anno ’60, con linee filanti e pulite che incorniciano superfici arcuate, una suddivisione pulita e fluida della fiancata in una parte superiore e una parte inferiore. Lo stilema originale, che gira attorno ai vetri e al brancardo, è la firma distintiva che attira l’attenzione di chi osserva, mettendo in risalto giochi di luce e ombra lungo tutto la fiancata.
Da sottolineare un particolare di grande effetto: le maniglie che, di fatto, non ci sono. La vettura infatti monta un inedito sensore a sfioramento per l’apertura delle porte, celato alla vista dalla piccola pinna aerodinamica contraddistinta dallo stemma ATS.
Il baffo frontale richiama quello tipico della ATS 2500 GT degli anni sessanta e attraversa l’ampio muso dove spicca, al centro, il logo luminoso (con tecnologia Oled) di colore azzurro.


Caratteristiche sono anche le strisce parallele che corrono longitudinalmente sul cofano e pure le due grandi prese d’aria laterali, sormontate dai proiettori con tecnologia full-LED.
Il portellone posteriore invece è privo di lunotto e si fonde in modo armonico con la coda aerodinamica a taglio tronco mentre il grande alettone integrato a filo carrozzeria è “attivo”: si solleva per creare deportanza alle alte velocità ed entra in azione durante la frenata.
Il diffusore posteriore, in controtendenza con la moda del momento, è una continuazione della carrozzeria e risulta parte integrante del volume generale, sostenendo la caratteristica forma a V che lega i fanali a led e si collega con il segno laterale sopra all’arco passaruota.
I cerchi (20 pollici all’anteriore e 21 al posteriore) in alluminio forgiato, riprendono lo stesso colore della modanatura sulla fiancata e calzano pneumatici 255/30R20 davanti e 355/25R21 al posteriore.

Abitacolo sportivo e hi-tech

L’abitacolo della nuova ATS è votato alla sportività coadiuvata alla tecnologie di ultima generazione: il Cluster digitale TFT ultrapiatto rivestito da una cornice in alluminio e lo schermo touch al centro gestiscono di tutte le applicazioni, con i quattro quadranti ove poter controllare alcune funzioni interagendo attivamente con il veicolo. Il sistema denominato “Cuore“ è l’interfaccia diretta tra il pilota e la sua auto. Al centro della plancia e sotto il display, il Centro stile ATS ha deciso di inserire questo originale dispositivo che racchiude tutti i comandi per trasformare l’auto da silenziosa e rilassante a sportiva purosangue, pronta per l’uso estremo in pista.

Tre opzioni di guida

Le tre configurazioni di guida (Viaggio, Sport e Corsa) influiscono sensibilmente sul comportamento dinamico dell’auto, che cambia profondamente la propria natura e le sensazioni trasmesse al pilota agendo sul settaggio delle sospensioni, sulla velocità di cambiata e sulla potenza del motore.

Motore V8 biturbo da vera sportiva

Sotto il cofano trova posto un poderoso propulsore V8 biturbo 3.8 litri disponibile in due step di potenza: 650 CV e 678 Nm di coppia massima oppure 700 CV e 750 Nm di coppia con un Upgrade opzionale. Le prestazioni della nuova ATS GT sono di tutto rispetto: da 0 a 100 km/h in 3 secondi e supera la velocità massima di 330 km/h.

La nuova ATS GT verrà prodotta solo in 12 esemplari ad un prezzo di 1.150.000 €.

Foto Credits: Degler Studio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *