Lotus: confermato il passaggio del marchio inglese ai cinesi di Geely

La casa automobilistica cinese Geely ha completato l’acquisizione della quota di maggioranza di Lotus. Jean-Marc Gales, amministratore delegato di Lotus, rimarrà in carica.

Geely, che già possiede i marchi Volvo, Lynk & Co e la London Taxi Company, detiene ora il 51 per cento di Lotus, mentre il rimanente 49 per cento rimarrà nelle mani della Malaysian Etika Automotive. Tre dei cinque posti nel consiglio di amministrazione di Lotus saranno nominati da Geely Holding, mentre gli altri due saranno scelti da Etika. Il Presidente del Consiglio di amministrazione sarà Daniel Donghui Li, già Vice Presidente Esecutivo della Geely Holding. Feng Qing Feng e Nathan Yu Ning sono gli due nomi scelti da Geely per il consiglio di amministrazione, mentre Etika ha nominato Dato ‘Sharil Tarmizi. Il gruppo automobilistico malese annuncerà l’altro amministratore nelle prossime settimane.

Lotus si trova in un buon momento, poiché è ritornata ad essere in attivo nella prima metà del 2017, grazie all’aumento delle vendite, pari circa al 10 per cento in più rispetto allo scorso anno, dovuto all’introduzione di nuove versioni speciali, tra cui l’ultima Evora GT430, la Lotus più veloce nella storia del marchio. Daniel Donghui Li ha dichiarato: “Con il completamento delle transazioni, adesso vogliamo concentrarci sul lavoro da intraprendere con i nostri partner per sviluppare il marchio Lotus, rendendolo competitivo a livello globale e un leader riconosciuto nel mercato delle auto sportive. Siamo estremamente sicuri che Lotus supererà le aspettative”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *