F1, GP Giappone 2017: Vettel: “Mondiale andato? Non dobbiamo mollare”

Questa mattina sul circuito di Suzuka è giunto al termine il Gran Premio del Giappone, 16esima tappa del campionato mondiale di Formula 1.

Ad imporsi ancora una volta e tagliare per primo il traguardo finale è stato Lewis Hamilton, il quale ha condotto per l’ottava volta in stagione la sua Mercedes sul gradino più alto del podio. Sciagura senza tregua per Sebastian Vettel, il pilota della Ferrari è stato costretto al ritiro a causa della rottura di una candela di accensione che non dava la giusta potenza alla monoposto del tedesco.

Il problema della vettura di Vettel è stato riscontrato già poco prima che la gara avesse inizio, infatti i meccanici erano intervenuti sulla SF70H che mostrava i primi allarmi, ma ormai era già troppo tardi. Al via il tedesco della Ferrari, infatti, ha subito tre sorpassi nelle prime curve e riuscendo a compiere solamente cinque giri per poi rientrare nei box e alzare bandiera bianca. Insomma saracinesca chiusa e tutti a lavoro per il prossimo GP degli USA.

DICHIARAZIONI POST-GARA DI VETTEL

E’ un Sebastian Vettel abbastanza provato, amareggiato e deluso da tutto ciò che gli sta accadendo nelle ultime e importantissime gare che precedono il titolo mondiale. Dopo l’abbraccio di conforto con Maurizio Arrivabene, team principal Ferrari, ed i saluti al pubblico, il tedesco ha rilasciato alcuni commenti ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole:

“Non so che tipo di problema di affidabilità sia stato, è una piccola cosa, ma prima di partire ho cercato di resettare tutto. C’era un problema a livello di accensione. Non avevo potenza in partenza, così come nel giro di formazione. Dopo lo spegnimento dei semafori abbiamo cercato di rimanere lì con gli altri, ma non riuscivamo a fare niente. Oggi non era la nostra giornata”.

Per molti ormai il mondiale di Vettel è andato, ecco invece cosa pensa il pilota:

“Non c’è bisogno di essere un genio della matematica per capirlo. Non dobbiamo mollare, dobbiamo tornare a casa e riposarci, il team è stanco. Sappiamo che possiamo fare bene nelle ultime gare e dobbiamo concentrarci su quello, per il resto vedremo”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *