F1 Suzuka, Conferenza: Valtteri Bottas fa una pesante autocritica, ecco perché

Come di consueto nella giornata di oggi si è tenuta la conferenza stampa che precede il weekend di gara di Formula 1 che si disputerà sul circuito di Suzuka, in Giappone, tra i piloti protagonisti quello che ha suscitato maggiore interesse è stato Valtteri Bottas, pilota della Mercedes.

Nel corso della prima domanda posta al pilota finlandese si è parlato dell’attuale momento difficile che Bottas sta attraversando. Il pilota della Mercedes ha così voluto rispondere:

“Credo che la cosa principale sia che io voglio fornire prestazioni all’altezza e che voglio centrare gli obiettivi che mi sono fissato personalmente; e di certo ultimamente non li sto centrando. Penso che la mia sensazione dopo la gara non era così positiva. Sicuramente è un momento molto complicato, perché la macchina è molto buona, ha un grande potenziale che può portare a grandissimi risultati, e invece non riesco a sfruttarlo”.

Una delle principali cause potrebbe essere la difficoltà, rispetto alla prima parte di stagione dove Bottas ha anche ottenuto varie pole, nel guidare la W08. Il pilota della Mercedes sostiene che Lewis sia riuscito ad estrarre meglio il potenziale della vettura con un assetto più difficile. I dettagli e lo stile di guida fanno la differenza ed è importante imparare anche nei weekend più difficili.

Valtteri Bottas ha poi continuato l’intervista in conferenza dichiarando:

“Ma so che tutti questi weekend difficili mi hanno fatto imparare tanto e mi possono far migliorare tanto. Come ad esempio proprio la gara in Malesia: ci sono state tante domande alle quali abbiamo dovuto rispondere e abbiamo ottenuto tante risposte alle mie domande, e quindi dobbiamo cercare di lavorare sodo nei dettagli con gli ingegneri, cercando di capire. Io sicuramente ho imparato tantissimo dall’ultimo weekend e quindi c’è sempre un aspetto positivo”.

In una delle ultime domande è stato chiesto a Bottas il motivo per il quale si è auto criticato senza aver avuto paura per averlo fatto in pubblico. Il pilota olandese ha così risposto:

“Non sono interessato, onestamente, a quello che dice la gente in pubblico. Come ho detto prima, io conosco i miei obiettivi, quelli che mi sono prefissato, e se non li centro non sono contento. È un momento complicato, ma io sono sempre molto onesto con me stesso. Se posso guardarmi allo specchio e trovare un piccolo modo per migliorarmi, se posso individuarlo, lo farò, riuscirò a migliorarmi in un modo o nell’altro. Sono reduce da alcune gare difficili, dalle quali però devo imparare parecchio. Specialmente dalla Malesia. Ma ormai è passato, sono qui e devo guardare avanti”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *