TCR International: Vernay vince il titolo piloti, ma a Dubai vincono Oriola e Comini

Nell’ultimo weekend di gara, disputatosi sul tracciato di Dubai, Vernay porta a casa il suo primo titolo piloti, ma le vittorie delle due gare vanno a Oriola e al due volte campione Comini.

Il francese Jean-Karl Vernay, pilota del team Leopard Racing, ha conquistato il titolo piloti della TCR International Series 2017, concludendo al terzo posto una prima gara dominata da Pepe Oriola. La mossa vincente dello spagnolo Oriola è stata una partenza perfetta che lo ha portato dalla quarta alla prima posizione alla prima curva, precedendo il poleman Gordon Shedden e il suo compagno di squadra Vernay. Per il resto della gara Oriola è riuscito a controllare tranquillamente, non offrendo mai al suo inseguitore Shedden la possibilità di provare il sorpasso. Dietro di loro, Gabriele Tarquini si è fatto strada dal 21° posto fino al terzo, salvo poi ritirarsi al penultimo giro a causa di una foratura. La lotta per il titolo piloti ha catturato l’attenzione del pubblico, con Vernay che in quarta posizione si difendeva dagli attacchi di Attila Tassi. Il francese ha mantenuto la calma, non commettendo errori e alla fine è riuscito a conquistare la terza piazza, mentre Tassi ha concluso al quinto posto essendo stato superato da Nash.

Il bi-campione della TCR International Series, Stefano Comini, ha abdicato in grande stile, vincendo l’ultima gara della stagione a bordo della Audi RS3 LMS del team Comtoyou Racing. Il pilota svizzero ha “ereditato” la testa della gara quando Attila Tassi ha dovuto scontare un drive-through, a causa di una falsa partenza. Comini ha tagliato il traguardo davanti a Gianni Morbidelli e Josh Files. Quest’ultimo ha conquistato il podio dopo una brillante lotta con Denis Dupont, che alla fine non è riuscito a finire la gara a causa di una foratura. Tassi, dopo aver scontato la penalità, è riuscito a recuperare dal 17° al 12° posto che, unito alla “trasparenza” delle due vetture Hyundai, gli è bastato per guadagnare un punto, grazie al quale è riuscito a conservare il secondo posto nel campionato piloti davanti a Comini. Il secondo posto di Morbidelli e il sesto posto del suo compagno di squadra Benjamin Leuchter ha permesso alla Volkswagen Golf di conquistare il titolo di “Modello dell’Anno”, con soli cinque punti di vantaggio rispetto alla Honda Civic.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *